Dove fare la spesa?

La risposta a questa domanda non è così semplice anche perché oggigiorno abbiamo sempre meno tempo a disposizione, per questo risulta effettivamente difficile effettuare una vera e propria scelta.

L’offerta è veramente enorme tanto che si estende dal negozietto sotto casa all’ipermercato di zona. Oggi anche nei piccoli centri, o in prossimità dei medesimi riusciamo comunque a trovare un supermercato abbastanza grande. Ma allora, come scegliere?
Il nostro consiglio è quello di fare una piccola ispezione onde evidenziare che tipi di negozi ci sono nella zona dove abitate, ad esempio, potrebbero esserci piccoli negozi di alimentari e fruttivendoli oppure hard-discount.
A questo proposito vi diamo una semplice lista della tipologia con qualche breve consiglio, poi, ricordate sempre, la scelta è vostra! Nostra intenzione è quella di farvi economizzare sulla spesa, naturalmente ciò esige una particolare organizzazione, ma di questo ne parleremo in seguito!
I negozi sotto casa sono generalmente piccoli alimentari dove si possono trovare più o meno tutti i prodotti che comprate al supermercato certamente con minore scelta e convenienza, tuttavia costituiscono una fonte quanto mai utile quando ci si accorge all’ultimo momento di non aver comprato quel dato prodotto al supermercato oppure ci si trova a non avere a disposizione un’automobile. Quest’utilità è di solito accompagnata da un servizio più accurato e da una scelta di prodotti gastronomici di medio-alto livello.
Il nostro consiglio è di usufruirne per quei prodotti per i quali non siete disposti ad accettare compromessi, quindi verdura, frutta, carne e pane. Comprare tuttavia grosse quantità potrebbe risultare economicamente poco conveniente, è per questo che vi consigliamo di effettuare una ulteriore scrematura dei prodotti che generalmente acquistate e di comprare solo quelli. I mercati di quartiere costituiscono un altro tipo di “negozio” con ottimi prezzi che fanno diretta concorrenza al negozio sotto casa se non addirittura al supermercato, i prodotti venduti sono sempre freschi e si possono scegliere direttamente, caratteristica da non dimenticare dato che la frutta e la verdura hanno generalmente una breve vita nel nostro frigorifero!
L’unico problema che presenta questo tipo di spesa è che non sempre li abbiamo a disposizione dato che di solito i mercati sono settimanali. Il vantaggio di vivere in una grande città è quello di aver dei grandi mercati stabili per cui la reperibilità dei prodotti è più semplice.

Il supermercato o ipermercato che sia, costituisce per quasi tutte le famiglie la maggiore fonte di approvvigionamento poichè offre una grande quantità di prodotti che si possono scegliere personalmente e spazia dal settore gastronomico ai ricambi per la manutenzione della propria auto. Una scelta così ampia permette di fare la spesa in un unico posto. Il nostro consiglio è quello di fare attenzione alle offerte ed alle promozioni. Non di rado capita infatti che ci si possa trovare con quantità strabilianti di cibo deperibile che abbiamo comprato per i più ovvi motivi ma che, immancabilmente verrà gettato perché non consumato a tempo debito oppure perché troppo prossimo alla scadenza. Ponete quindi attenzione alle date di scadenza e non lasciatevi sempre tentare da quelli che vengono definiti “bisogni indotti”. Coccolarsi è quantomai lecito facendo però attenzione a non lasciarsi ingannare dalla pubblicità. Altro vantaggio dei supermercati è il rilascio di una tesserina che permette di accumulare punti per “conquistare”, fidelizzando l’acquirente, premi e regali. Queste iniziative sono gradite ma, vi raccomandiamo caldamente di scegliere il vostro supermercato in base alla qualità ed ai prezzi dei prodotti in vendita ed alla distanza da casa vostra.

Ultimi ma non per convenienza, sono gli hard-discount, supermercati di medie o grandi dimensioni che vendono più o meno tutti i generi di prodotti. I prezzi applicati sono di solito più bassi della media dei supermercati dato che si vendono merci di piccole ditte o di aziende che non pubblicizzano i loro prodotti ed hanno per questa ragione un costo inferiore. Il consiglio che vi diamo è di testarne la qualità ( che non sempre è eccelsa…) e di acquistare soprattutto quelli di base che, di solito, hanno un ottimo rapporto qualità-prezzo.
Quindi via libera a latte e latticini, alle acque minerali, ai biscotti ed altri prodotti da forno, sempre che non abbiate il vostro panettiere di fiducia!
L’elenco della tipologia dei negozi alimentari ci sembra terminato, non abbiamo inserito gastronomie e pizzicherie perché vendono pietanze già preparate ed il nostro scopo è quello di farvi cucinare!

L’ultimo consiglio che vogliamo propinarvi è di scegliere ogni volta il tipo di negozio a seconda dei prodotti che dovete acquistare, ad esempio, se finite le vostre scorte di acqua e vi manca qualche formaggio o lo yogurt, potrete andare all’hard-discount senza problemi.
Selezionate la tipologia dei prodotti che vi mancano in casa facendo una buona lista della spesa e distribuendoli magari, se avete il tempo necessario, nell’arco di quindici giorni facendo scorte dei cibi non freschi , in modo da poter tornare comodamente al supermercato, all’hard-discount o al negozio d’alimentari con minore frequenza. Questo non solo vi porterà il beneficio di risparmiare il vostro tempo prezioso ma anche quello di poter mettere qualche euro in più nel vostro salvadanaio!


Ultima modifica: 16/09/2005

Cucina e Ricette
Ricette, vini e menù di cucina italiana ed etnica




Pubblicità
sulle pagine di
Cucina e Ricette

Clicca qui!


Ricette veloci
Primi piatti
Secondi piatti


Ricette facili
Primi piatti
Secondi piatti


Ricette di pesce
Primi piatti
Secondi piatti


Ricette vegetariane
Primi piatti
Secondi piatti
Cucina italianaCucina etnicaCucina creativaRicette in libertàRubricheAlimentazioneCucina nel Web




Le ricette
più fresche

e i nuovi articoli, senza muovere un dito.
Clicca qui!
© 2004-2015 www.cucinaericette.it - Influsso Web Agency Firenze - P.IVA 06308110482 - Privacy Policy - Cookie policy

Questo sito non è una testata giornalistica con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. L’autore non ha alcuna responsabilità per i siti segnalti; il fatto che il sito fornisca dei collegamenti a siti esterni non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.